Vivere la Francia al proprio ritmo, scoprendola e riscoprendola nel nome di un turismo slow all’insegna di tante idee e novità fatte di natura e sostenibilità: in questo 2021 appena cominciato, ecco 21 buone ragioni per tornare, non appena si potrà, a respirare la sua immancabile art de vivre con rinnovata energia.

1. Assistere al sogno di Christo, il celebre artista contemporaneo scomparso nel 2020, che si realizza postumo: l’Arco di Trionfo di Parigi “impacchettato” dal 18 settembre al 3 ottobre

2. Tornare nei luoghi iconici parigini che riaprono: il Museo Carnavalet dopo la ristrutturazione, il grandioso Hôtel de la Marine in Place de la Concorde, il celebre ex grande magazzino La Samaritaine con l’Hôtel Cheval Blanc di LVMH

3. Scoprire la Parigi del futuro concentrata alla Défense, dove verranno inaugurate le Sisters Tours, due torri di 225 e 130 metri di altezza progettate dell’architetto Christian de Portzamparc

4. Immergersi in Costa Azzurra nello scenografico Festival dei Giardini dal 27 marzo al 28 aprile, quest’anno sul tema “Giardini d’artista”, che coinvolge Antibes Juan-les-Pins, Cannes, Grasse, Mentone, Nizza e il Principato di Monaco

5. Visitare alle isole Lérins di fronte a Cannes, candidate a Patrimonio Unesco, il Fort Royal di Sainte Marguerite con la cella del misterioso prigioniero “La Maschera di Ferro”, e il Monastero di Saint Honorat tra i vigneti dei monaci, con una puntata a Cannes per il Festival del Cinema dall’11 all 22 maggio

6. Visitare ad Aix-en-Provence il Museo “Jacqueline e Pablo Picasso” di prossima apertura, la più grande collezione al mondo voluta dalla figlia Catherine Hutin-Blay erede di oltre duemila opere, con dipinti, sculture, disegni, ceramiche e fotografie

7. Partecipare a Bordeaux alla Biennale Bordeaux fête le vin dal 17 al 20 giugno, quest’anno sul tema “vino” che, in alternanza con il tema “fiume”, rappresentano le due anime della città: i grandi vini e la Garonna

8. Partecipare ai Rencontres de la Photographie di Arles dal 5 luglio al 26 settembre, magari scattando un selfie davanti allo spettacolare edificio progettato da Frank Gehry alla Fondazione Luma che inaugura a primavera

9. Visitare la Biennale del Design a Saint-Etienne, da aprile ad agosto, per scoprire appena fuori dal centro, a Firminy, la “città ideale” di Le Corbusier

10. Vsitare al MUCEM di Marsiglia, Museo delle civiltà dell’Europa e del Mediterraneo di Rudy Ricciotti, le due mostre dell’anno: Civilisation fino al 28 giugno e Jeff Koons fino al 18 ottobre

11. Vivere l’esperienza unica del Voyage a Nantes in primavera e estate, città totalmente trasformata dagli artisti con le installazioni lungo la Loira e le insegne sorprendenti dei negozi

12. Assistere ad Arles da maggio a settembre alla grande mostra dedicata al culto dell’Imperatore, per poi ampliare la visita alla sua anima romana con l’Arena, la Tour Magne, la Maison Carrè e il nuovo Museo della Romanità progettato da Elizabeth de Portzamparc

13. Nell’ottantesimo della morte di Maurice Leblanc, creatore di Arsenio Lupin, visitare la sua casa-museo a Etretat, in Normandia, guidati dai due personaggi, per poi continuare con la nuova serie Netflix dedicata al ladro gentiluomo

14. Visitare in Borgogna l’antica abbazia di Flavigny-sur-Ozerain, location del famoso film “Chocolat”, con la cripta carolingia e gli edifici successivi dove si producono i celebri bonbon all’anice

15. Immergersi nell’atmosfera misteriosa e intrigante di Carcassonne, dove ebbe luogo il celebre processo ai Templari inquisiti per eresia dal re di Francia Filippo Il Bello e da papa Clemente V

16. Visitare in Alsazia il Centro europeo del Libro, di prossima apertura, nel convento dei Domenicani di Colmar, senza tralasciare il Museo Unterlinden nel convento medievale con i suoi tesori come il Polittico d’Issenheim

17. Riscoprire i Castelli della Loira – Chambord, Blois, Loches, Amboise e Chinon – al tempo di Leonardo, Francesco I e Caterina de’ Medici attraverso l’histopad, un tablet che offre una nuova esperienza di visita virtuale

18. Raggiungere in Bretagna il promontorio selvaggio Pointe du Raz, la punta più occidentale di Francia scolpita dal mare smeraldino e battuta dai venti e dagli uccelli marini, con la sua natura intatta e una vista spettacolare sull’Île de Sein e sul faro di Ar Men

19. Anche se il 2020 non è certo stato “un’ottima annata”, rivedere, quindici anni dopo l’uscita, l’omonimo film di Ridley Scott per riscoprire il Luberon con i suoi villaggi fiabeschi come Gordes, Lourmarin, Ménerbes

20. Compiere una traversata a piedi in Corsica lungo il percorso della GR20, in bike o più comodamente sul trenino, tra le sue coste spettacolari e le montagne dell’interno puntellate di villaggi antichi

21. Seguire il mitico Tour de France che partirà da Brest il 26 giugno e approderà a Parigi tre settimane dopo, con tutte le sue tappe in luoghi panoramici