Certo che sì: potremmo darvi delle belle dritte per trascorrere un Capodanno coi fiocchi.
Ad esempio potremmo consigliarvi di assistere agli 80.000 fuochi d’artificio che illumineranno la Strip di Las Vegas dai vertiginosi 160 metri di altezza del The Linq High Roller, la ruota panoramica più alta del mondo, che offre anche bar e brindisi di mezzanotte; oppure di non perdervi il lancio di tremila palloncini biodegradabili nei cieli di Tokyo dal tempio Zojoji, degustando la tipica zuppa di grano saraceno toshikoshi soba (letteralmente: a cavallo tra due anni).
Potremmo anche consigliarvi il sole dei Caraibi con le due crociere in catamarano di Horca Myseria a Cuba, con annesso soggiorno nell’energia e nella vitalità dell’Havana, e alle isole Grenadine, note come isole delle spezie grazie alla coltivazione di noce moscata e macis. E perfino i viaggi a piedi delle Vie dei Canti in Marocco come eremiti nel deserto con al seguito cuoco, uomini blu e cammellieri, intorno al Lago di Bolsena e tra rudi paesini fino a Orvieto come pellegrini di un tempo, o nel Salento per partecipare allo spettacolo simbolico e astrale della prima alba del 2016. Ma anche l’elegante Ballo di Capodanno in compagnia di star del balletto e dell’opera lirica nella Hofburg viennese, l’antica residenza dell’imperatore, e il Concerto di San Silvestro dell’Orchestra Filarmonica buon anno02di Vienna nel Musikverein, con tradizionale colazione del giorno dopo, detta Katerfrühstück, sulla piazza del Municipio seguendo la diretta su un megaschermo del celebre Concerto di Capodanno.
Potremmo suggerirvi tutto questo e molto di più. Ma il primo consiglio, quello che ci viene direttamente dal cuore, è quello di sorridere gioiosamente all’anno nuovo quando scoccherà la mezzanotte. Perché dovunque sarete, è lì che comincerà un nuovo, entusiasmante capitolo del vostro Viaggio.