Cosa accomuna Antonino Cannavacciuolo, indiscusso protagonista della cucina d’autore, e Diego Dalla Palma, leader supremo nel campo della bellezza? Una sola cosa, forse. Ma decisamente fondamentale: la loro scelta di quella filosofia dell’eccellenza basata sull’attenzione al gusto e alla bellezza, che può riuscire nel compito di legare anche ambiti apparentemente tanto diversi come i loro. Puntando alla grande, magari, sui colori, importantissimi tanto sul volto quanto nel piatto.

E’ per questo che ad aprile prende il via per entrambi il ruolo di docenti d’eccezione dei corsi di punta di CEF Publishing – Centro Europeo di Formazione, società editrice leader in Italia nella formazione professionale a distanza (FAD) con piattaforma e-learning, una modalità innovativa per l’acquisizione di competenze professionali attraverso sussidi didattici mirati e avanzate tecnologie di comunicazione e trasmissione dei contenuti. Due nomi che sono una vera garanzia per i loro rispettivi corsi per Cuoco Professionista CHEFuoriclasse e Professionista della Bellezza e del Benessere Percorso immagine, assicurando percorsi didattici di altissima qualità, autorevolezza e prestigio grazie a lezioni esclusive e MasterClass.

“Sempre più persone, anche giovanissime, mi chiedono come avvicinarsi seriamente al mondo della cucina, e questo corso è un ottimo punto di partenza, che parla con un linguaggio innovativo ad allievi dalla mente innovativaspiega lo chef –; oggi è fondamentale studiare e aggiornarsi continuamente, ed è per questo che io stesso, in prima persona o utilizzando dei professionisti, tengo da anni corsi per formare il personale, cosa che equivale, ovviamente, a far crescere sempre di più la mia azienda”. “Ben venga una scuola dai metodi nuovi, lo considero un progetto addirittura futuristico che offre una possibilità anche a chi non vive nelle grandi città – gli fa eco il look maker – Io sono in prima linea a controllare tutto, pronto ad elargire con professionalità e attenzione tutto quello che a mia volta ho imparato; ogni scuola, in qualunque formula, funziona soltanto se è seria, altrimenti crea solo illusioni”.