Tante ricorrenze di rilievo, oltre a mostre e festival, chef e cucina, nuove architetture e spazi verdi: è un fitto itinerario tra cultura, innovazione e art de vivre a caratterizzare l’intenso 2019 della Francia tutta. E bello sarebbe poterlo percorrere random in lungo e in largo per tutto l’anno.

Perché camminando tra la nuova Strada dei Fari in Bretagna che ne offre la più grande concentrazione al mondo, la profumata Strada della Mimosa in Costa Azzurra e la fascinosa Strada dei Sensi Autentici in Corsica, oppure partecipando alle escursioni estive nei campi di lavanda e nel museo tematico del Luberon, nei vigneti della Cité du Vin di Bordeaux con il suo percorso immersivo e sensoriale, o a quelle di Biot, 50 artisti e artigiani durante le “Giornate europee dei mestieri d’arte” il 6 e 7 aprile, si finisce per imbattersi nelle celebrazioni del 75° anniversario dello sbarco e della battaglia di Normandia con picnic commemorativo in spiaggia il 6 giugno, nelle “Giornate Napoleoniche” in Corsica, ad Ajaccio, per i 250 anni dalla nascita del grande condottiero dal 13 al 15 agosto, o nei festeggiamenti, dal 3 al 5 maggio, per il decennale dei “Grandi Giochi Romani” a Nimes, dedicato al tema dei Re Barbari, senza perdere lo spettacolare Musée de la Romanité con la nuova mostra temporanea Pompei, storia di un salvataggio.
Un altro Re, quello dei Cinema, si festeggia a Nizza dal 16 febbraio al 2 marzo nell’ambito del celebre Carnevale, in attesa che l’intera Costa Azzurra si inebri di profumi con la seconda edizione del Festival del Giardini che, dal 30 marzo al 28 aprile, ne allestirà quasi un centinaio sul tema Sogni di Mediterraneo. E poi le scenografiche e tecnologiche Nuits Lumière di Bourges nella Valle della Loira, il Week-end del Design e delle Arti della tavola ad Antibes – Juan Les Pins dall’1 al 3 novembre, il consueto Voyage à Nantes estivo con tante proposte culturali e artistiche dal 6 luglio al 1° settembre, i tour sul gatto delle nevi sul ghiacciaio de Les 2 Alpes a oltre 3000 metri di quota, e la 1° Indian Week di Saint Tropez dal 24 al 29 giugno che, già attenta all’ecologia e alla sostenibilità, diventa anche, su richiesta di Brigitte Bardot, la prima destinazione vegan di Francia. E mentre Marsiglia ha da poco inaugurato La Torre “La Marseillaise” di Jean Nouvel, Montepellier apre lo spazio d’arte contemporanea MOCO – Montpellier Contemporain, e Arles (foto apertura) attende dicembre per rialzare il sipario sul Museon Arlaten della cultura provenzale.

Saint Tropez

E poi ci sono i cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci celebrati da un fitto calendario di eventi nell’intera Valle della Loira, e i cinquecento anni del Rinascimento sottolineati da spettacoli, mostre ed eventi del CMN-Centre des monuments nationaux. E tanti festival: ad aprile quello della Moda e della Fotografia a Hyères e quello del food Art’é Gustu ad Aléria, in Corsica, a giugno quello della Creazione a Bastia, sempre in Corsica, su moda e design, a luglio quello del jazz sull’isola di Porquerolles, dove riapre anche Villa Carmignac con la nuova mostra La Source, e quello tradizionale di Avignone. E tra un impegno culturale e l’altro, vale la pena anche una visita a The Village, nuovo outlet di design alle porte di Lione in cui sfilano un centinaio di grandi marchi di lusso oltre a dodici ristoranti e proposte gourmet.

Carcassonne

Il tutto è comodamente raggiungibile con Thello, la compagnia ferroviaria che propone collegamenti diretti tra Italia e Francia senza cambi al confine, e che ha appena introdotto un nuovo piano tariffario più flessibile e vantaggioso, puntando sui suoi punti di forza come il treno notturno Venezia-Milano-Parigi con cabine letto e cuccette, e il treno diurno Milano-Nizza-Marsiglia. Mentre per la stagione estiva i voli Air France-KLM propongono nuove destinazioni: Palermo e Olbia, e Napoli. Non resta che scegliere e partire.

Tutte le info dettagliate su eventi e iniziative su https://it.france.fr/it