di Grazia Garlando

18 ottobre 2010 – Case in terra cruda e ville nobiliari, ex conventi e cascine contadine, fino a un elegantissimo relais. Tutt’intorno, sopra e sotto, filari e vigneti a perdita d’occhio, in un suggestivo affresco di foglie verdi e di terra bruna macchiato qua e là da festosi roseti colorati. Quasi incredibile pensare che appena dietro l’angolo corra l’autostrada trafficata che unisce il triangolo superindustrializzato di Liguria, Piemonte e Lombardia, e che in una manciata di minuti e di km si arrivi nei loro trafficati capoluoghi.
Perchè qui in Gavi, al centro della Val Lemme, tra colli e stradine, castelli e abbazie, il tempo scorre lento e la vita ha tutta un’altra dimensione. E soprattutto un altro sapore: quello del suo omonimo vino. Quello che ha fatto la storia e la tradizione di quest’oasi di tranquillità e di aria buona di cui ancora non è molto chiara l’appartenenza regionale, nonostante le coordinate geografiche lo collochino indiscutibilmente in Piemonte, in provincia di Alessandria, ma gli abitanti siano pervasi da un animo decisamente più ligure.

Ed è proprio quella bacca Cortese che ha suggerito a dieci aziende vitivinicole del territorio, che le si dedicano con infinita passione e dedizione, un’iniziativa davvero allettante.
Snodate su un percorso complessivo di 11 km, in un suggestivo susseguirsi di vigne e di boschi, di noccioleti e castagneti, di torrentelli e cascatelle, le tenute stanno creando una vera e propria Via del Vino, dando vita al “Circuito Golden Gavi Dalla Terra al Bicchiere”. Un percorso da fare a piedi o in mountain bike, durante il quale incontrarsi a tu per tu con gli animali più disparati come lepri, caprioli, fagiani, daini, cinghiali, pernici rosse, cerbiatti, tassi, volpi e scoiattoli; respirare il profumo di pioppi, acacie, tigli e di un’imponente rovere verde che non perde il suo colore neppure sotto la neve (e che presto darà il nome a un vino novello); attraversare ampi spazi con viste mozzafiato o boschi folti e piccole radure.
E sul quale imbattersi, l’una dopo l’altra, nelle dieci aziende che aprono le porte per deliziose degustazioni di prodotti territoriali assolutamente genuini, arricchiti dalle peculiarità di ciascuna: uva, castagne, funghi e tartufi, dolci tipici come gli “splinsciouni” e i canestrelli al vino bianco, torte di nocciole e marmellate di frutta, focacce e “sitrate”. Il tutto naturalmente annaffiato dalle diverse tipologie di vini locali e da una cascata di frizzanti bollicine, di cui è possibile visitare le cantine e scoprire insieme ai proprietari i segreti del processo di produzione.

La Via del Vino ha aperto al pubblico da una sola settimana, e il percorso non è ancora del tutto completo: vale a dire che sia le tenute che le singole passeggiate sono aperte, ma soltanto quattro di loro -“La Fontanassa”, “Il Poggio di Gavi”, “La Giustiniana”, “La Chiara”- sono collegate da un sentiero già preciso, che si estende per 6 km; il percorso con le altre -“Binè”, “La Bollina”, “Castellari Bergaglio”, “Marchese Luca Spinola”, “La Mesma”, “Tenuta San Pietro”- sarà definitivamente completato nel prossimo mese di giugno, con una festosa notte bianca agreste che le animerà tutte tagliando ufficialmente il nastro d’inaugurazione.
Il percorso va fatto su prenotazione, gratuita se si sceglie solo la passeggiata in natura mentre ogni degustazione costa 7 euro a persona, e naturalmente è possibile visitarne anche solo una parte.

Per chi invece ha voglia di un intero weekend di relax, qui dove i cellulari non prendono quasi mai e la vendemmia si fa rigorosamente a mano, dove dalla coltivazione dell’uva alla produzione del vino è tutto fatto “in casa”, dove l’autunno e la primavera sono uno spettacolo della natura, è possibile soggiornare nel raffinato resort di una delle tenute, “La Bollina”, che offre, oltre a una rilassante vista a perdita d’occhio nel verde del suo campo da golf, anche ottimi pacchetti di soggiorno.

Dall’alto, anche il maestoso Forte di Gavi, castello feudale dell’anno 1000 (sempre aperto al pubblico con visite guidate) che domina la scena con la sua imponenza, sembra perdersi un po’ nel profumo garbato del suo vino antico…

La Strada del Vino Golden Gavi è percorribile solo su prenotazione
Degustazioni base: 7 euro a persona
Si possono concordare insieme all’azienda prescelta pranzi e cene
Tutte le info su: www.circuitogoldengavi.com

Le aziende del Circuito Golden Gavi Dalla Terra al Bicchiere:
Binè www.vigne-bine.com
La Bollina www.aziendaagricolabollina.it
Castellari Bergaglio www.castellaribergaglio.it
La Chiara www.lachiara.it
La Fontanassa www.fontanassa.com
Giustiniana – Antica Tenuta www.lagiustiniana.it
Marchese Luca Spinola www.marcheselucaspinola.it
La Mesma www.lamesma.it
Il Poggio di Gavi www.ilpoggiodigavi.it
Tenuta San Pietro www.tenutasanpietro.it