Chi non ha mai sognato di riordinare in un attimo la propria stanza semplicemente schioccando le dita e cantando Basta un poco di zucchero…, di volare in alto trainata da un ombrello, di portare con sé una borsa da cui estrarre in ogni momento gli oggetti più impensati, di ballare sui tetti della città salendo attraverso il camino? Ebbene, sappiate che tutto può accadere se ci credete!

Parola di Mary Poppins, che dal 13 febbraio atterra sul palco del Teatro Nazionale CheBanca! di Milano con il musical Mary Poppins, prima assoluta in Italia e in lingua italiana diretta da Federico Bellone e prodotta da WEC – World Entertainment Company, dove resterà fino al 13 maggio (e magari anche un po’ di più…). Dimostrando con il suo consueto garbo e leggerezza che anche qui tutto è possibile, perfino volare sulle teste degli spettatori o vivere in una casa mobile di quattro piani che compare e scompare sotto al palcoscenico, oltre a molti altri effetti speciali che lasceranno tutti a bocca aperta.
Uno show travolgente che vede in scena un cast di trenta artisti, fatto di canzoni, musiche e coreografie amatissime come Supercalifragilistichespiralidoso, Cam caminì, Com’e’ bello passeggiar con Mary, e a cui se ne aggiungerà anche qualcuna tutta nuova, esaltate da una grande orchestra dal vivo.

“Tutti amano Mary Poppins, io per prima, perché rappresenta un legame incredibile con la mia infanzia – dice l’attrice, cantante e ballerina trentenne Giulia Fabbri, che la interpreta sul palco con un entusiasmo e una capacità davvero travolgenti – Ho visto il film con Julie Andrews un’infinità di volte e ora sto leggendo tutti i racconti di P.L. Travers. Ho affrontato quell’audizione affidandomi totalmente al personaggio ed eccomi qui, elettrizzata più che mai. L’unica cosa è che Mary Poppins è praticamente perfetta, sempre controllata e capace di trovare una soluzione a tutto, quindi potrebbe essere facile scambiarla per una tata fredda e magari anche un po’ antipatica. Ma farò del mio meglio per riuscire a farla amare da tutti proprio come la amo io. Perché non solo i bambini ma anche gli adulti hanno sicuramente qualcosa da imparare da lei”.

Il musical, tratto dall’indimenticabile film di Walt Disney del 1964 che vinse ben 5 Oscar e che avrà un già attesissimo sequel entro fine anno, offrirà ai superappassionati della magica tata una serata specialissima il 22 febbraio, con un Gala Night che avrà inizio a partire dalle 18.30 con cocktail e buffet di benvenuto, pre-show all’esterno del teatro con red carpet e photo boot tematico, e make up application su prenotazione.

Foto di Alessandro Pinna