In viaggio a passo di danza. Chi può farlo se non naturalmente il danzatore albanese Kledi Kadiu, che alla guida della nuova serie di Progetti di danza, il sabato in seconda serata su Rai 5, accompagna gli spettatori in giro per il mondo alla scoperta di personaggi, teatri, festival e spettacoli che hanno fatto o fanno tutt’ora la storia della danza, dalla classica al tango, fino alla break dance?
“Del resto il ballo ti porta inevitabilmente a viaggiare, io ci sono abituato fin da bambino. E spesso, ora, mi trovo ad abbinare lavoro e vacanze, aggiungendo qualche giorno prima o dopo un impegno professionale per fermarmi sul posto, oppure tornandoci per una vacanza vera e propria se mi è particolarmente piaciuto e ci sono stato bene. Allora stacco la mente e mi lascio andare al riposo. Infatti la mia vacanza ideale è indubbiamente in un posto di mare, in totale relax.”
Cosa significa per te viaggiare?
“Conoscere gente, stili di vita, tradizioni: in pratica arricchire ulteriormente il mio essere. Soprattutto quando, grazie al mio impegno di ambasciatore Unicef, mi trovo in posti incredibili come è stato nel caso del Bangladesh, a contatto con situazioni lontanissime dalla nostra, quasi inimmaginabili. Sono viaggi che aiutano molto a crescere.”
Il viaggio che vorresti fare?
“In auto o in moto con un bel gruppo di amici andando incontro all’avventura. Qualunque meta è fantastica quando sei in buona compagnia. Ci ho pensato spesso ma ancora non l’ho fatto. Ma prima o poi….”