Dormire in un ex carcere con le sbarre o in campeggio nel fango durante un festival rock, salire in bici e scendere nelle gallerie delle miniere abbandonate o visitare il passato nei musei. E soprattutto ballare, cantare, fare musica e divertirsi al ritmo dei tanti festival di ogni genere che d’estate accendono di festa Ljubljana e dintorni. Per i giovani la Slovenia sta diventando una meta molto divertente. Oltre che economica, che non guasta.

Facilmente raggiungibile anche con Interrail e voli low cost, è disseminata di strutture ricettive a buon prezzo, oltre che decisamente particolari: l’ostello Celica a Ljubljana è un ex carcere militare con venti celle artistiche, Situla a Novo mesto offre alloggio nel museo, Pliskovica sul Carso in una casa carsica di oltre 400 anni, e l’ostello Pr’Tatko in una vecchia fattoria caratteristica della Gorenjska a Kranjska Gora. Da provare anche il campeggio Korita sul fiume Isonzo.

I singolari ostelli sloveni sono tutti consociati nella rete HostelSlovenia. Inoltre, la carta giovani europea EURO 26, la tessera studentesca internazionale ISI C, la tessera giovanile internazionale IYTC, la tessera viaggi Hostelling International consentono di dormire a prezzi ridotti e di ottenere sconti negli impianti sportivi, nel noleggio di veicoli, nei trasporti e sui biglietti degli spettacoli.

www.slovenia.info
www.euro26.si
www.isiccard.com
www.isic.org
www.youth-hostels.si

Foto A. Fevzer, archivio STO