Un ingrediente speciale per ogni mese: è il fil rouge curioso e stuzzicante dei Mozzarella Bar Obicà per l’intero 2018, che ogni trenta giorni aggiungerà alle proposte dei suoi dieci locali italiani (l’elenco è su www.obica.com) un fuori menù tematico realizzato attorno a un prodotto particolare, per valorizzare i sapori autentici dei migliori prodotti della tradizione Made in Italy.

Gennaio parte all’insegna del carciofo, sano, detox e, con le sue 47 Kcal per 100 gr di prodotto, anche ipocalorico, proposto in tre piatti: la mozzarella di bufala campana DOP con carciofi freschi, il tortino di carciofi con patate, salsa al Parmigiano Reggiano e casatica di bufala, i tagliolini freschi all’uovo con carciofi, salsa al Parmigiano Reggiano, casatica di bufala e speck dell’Alto Adige IGP.
La curiosità: il carciofo è protagonista dell’Artichoke Food & Wine Festival in California, dove ogni anno si elegge l’Artichoke Queen, che nella sua lunga storia ha incoronato nientemeno che Jean Mortenson Baker Monroe, al secolo Marylin Monroe. Che porti in sè anche il gene della bellezza?

A febbraio è la volta del pistacchio verde di Bronte, una varietà di pistacchio DOP e Presidio Slow Food che arriva direttamente dal cuore della Sicilia, offerto in tre ricette: la pizza con mozzarella di bufala, ricotta di bufala campana DOP, mortadella di Prato e pistacchio verde di Bronte (disponibile anche con farina Integrale 100%), il tortino di pistacchio verde di Bronte con ricotta di bufala campana DOP, mortadella di Prato e patate, la panna cotta al pistacchio verde di Bronte con ricciolo di cioccolato fondente.
La curiosità: a Bronte, dove la pianta di pistacchio è chiamata “scornabecco”, sono tanti e diversi i modi con cui i pistacchi vengono utilizzati in cucina, ad esempio come frutta secca per insaporire i salumi, come ingredienti del pesto alla brontese (varietà sicula del pesto genovese), o per farne dolci e gelati.