11 giugno 2018 – Acceso dall’amore per Milano e per la danza, Roberto Bolle è pronto a dare il via questa sera alla prima edizione di OnDance – Accendiamo la danza, la grande festa della sua arte, da lui stesso ideata e organizzata, che fino al 17 giugno travolgerà la città per un’intera settimana. Un vero e proprio inno al ballo in ogni sua forma (dal classico al contemporaneo, passando per il tango e lo swing), che invita tutti a lasciarsi andare tra show, workshop, lezioni, flash mob, mostre fotografiche e proiezioni, in tanti luoghi cittadini dal Castello Sforzesco al Teatro degli Arcimboldi, dal Parco Sempione all’Università Bicocca, dalla Stazione Centrale fino alla Galleria Vittorio Emanuele II°, dove, nella serata di giovedì, andrà in scena nell’Ottagono un passionale tango notturno aperto a tutti. Si chiude all’Arco della Pace con Radio Deejay, iniziando con un momento di ballo collettivo diretto da Bolle in persona per proseguire con una lunga e festosa notte danzante.

Amo immensamente Milano: è una città cosmopolita e internazionale capace di guardare al resto del mondo, di trasmettere un’enorme energia e di offrire sempre una chance a chi la cerca, proprio come è accaduto a me, piemontese di nascita ma indubbiamente milanese d’adozione. Da tempo sognavo di accenderla anche con la danza e finalmente l’ho fatto: sto per regalarle una settimana che vede protagonista la mia arte. E’ il mio modo di cominciare a restituire qualcosa a questa incredibile città che mi ha dato davvero tanto.
Cosa può dare la danza a Milano?
Possono donarsi tanto reciprocamente: la vedo come un’ottima occasione per uscire dai suoi templi. E’ un’arte alta e raffinata, ma purtroppo ancora un po’ troppo distante dal pubblico. Io voglio avvicinarla. Per questo da tempo sto cercando di portarla nelle strade, nelle piazze, nei monumenti storici. Questo evento, che ho anticipato con un affollatissimo flash mob in Piazza della Scala, partirà con un grande Opening Show al Castello Sforzesco, un posto che mi è particolarmente caro poiché in passato, con il Teatro alla Scala, abbiamo tenuto tanti spettacoli nei suoi cortili. Ho un bagaglio di ricordi davvero meraviglioso.