Lungo la costa della Svezia Occidentale si trovano i migliori crostacei e molluschi del Paese. L’aragosta è un grande successo in autunno, mentre gamberi, cozze e gamberetti si trovano tutto l’anno. L’ostrica comune, Ostrea edulis, che nel Mediterraneo ormai c’è solo in forma coltivata, qui è ancora presente in banchi naturali e, come gli altri frutti di mare, è un tripudio di sapore grazie alla lunga maturazione che avviene in acque fredde.

Astice. Il primo lunedì dopo il 20 settembre lungo la costa occidentale inizia la pesca all’astice. Sono numerose le aziende che propongono i safari in cui si partecipa alla vera e propria pesca gustandolo poi a cena, e molti anche i ristoranti gourmet di Göteborg che servono diversi menù a base di astice.

Ostriche. Da Grebbestad proviene circa il 90 % delle ostriche svedesi, ed è qui che si trova l’Accademia dell’Ostrica (www.ostronakademien.se) che si adopera per un corretto sfruttamento e per la salvaguardia della specie più diffusa da queste parti, l’Ostrea edulis. I safari all’ostrica prevedono che le si peschi, le si apra e le si assaggi. Karingo Oysterbar (www.karingo.com), sull’isola di Käringön, ha un proprio allevamento, dove si gustano freschissime accompagnate da un’ottima selezione di champagne. Intorno a Kosterhavet, il primo parco nazionale marino svedese, chi ha il patentino da sub può specializzarsi imparando a immergersi per la pesca (www.klemmingsdykhjalp.se).

Gamberi. Il safari al gambero è un’attività molto popolare in Svezia, praticabile tutto l’anno. Si va al largo e si tirano su le nasse colme di gamberi, poi li si cucina su uno scoglio o in un casotto.

Gamberetti. I più famosi si pescano appena fuori dal noto paesino Smögen, dove ad esempio si possono acquistare cucinati sempre freschi al negozio Göstas Fisk. Nel fiordo di Gullmar, presso Lysekil, diverse offerte di gite con la tradizionale barca per la pesca del gamberetto; pacchetti con cena e pernottamento proposti da tre alberghi intorno al fiordo. (www.westsweden.com).

Cozze. Pescare cozze è diventata un’attività molto diffusa sia tra pescatori professionisti che tra privati. Basta raggiungere l’isola di Käringön per partecipare a un’escursione mirata che ne prevede la pesca attraccati in qualche tranquilla insenatura, e poi al rientro preparazione e degustazione direttamente sul molo (www.westsweden.com).

Foto Rickard Granander, Jennie Lund, Frank Heuer