I settanta migliori cocktail bar della Toscana, all’interno di chiese sconsacrate o di cantine medicee, nelle funicolari o nel più antico cinema d’Italia. E le storie dei piccoli e grandi imprenditori legate alle loro materie prime: dal liquore allo zafferano alla vodka alla canapa, fino agli antichi amari tradizionali come il vermouth, la china o il Ronchi Pichi.

È un autentico viaggio nel mondo della mixology regionale di qualità il volume “Toscana da Bere” (Ed. Il Forchettiere, pagg. 280), in cui, nell’anno del centenario del Negroni, gli autori Federico Bellanca e Marco Gemelli raccontano la tradizione del buon drink e la passione di chi li propone, miscelando come in un riuscitissimo bicchiere ingredienti fatti di storie, luoghi e personaggi, senza tralasciare cocktail list e pairing d’autore dei migliori ristoranti, vale a dire gli abbinamenti tra i tre drink più richiesti e i piatti signature dei più apprezzati chef e pizzaioli toscani. Siete in zona?