11 gennaio 2012 – Si apre domani tra voli acrobatici e cacce al tesoro, percorsi d’arte e fuochi pirotecnici, il grande 2013 di Marseille Provence come Capitale europea della cultura, prestigioso riconoscimento dell’Unione Europea che ogni due anni elegge due città o territori regionali (l’altra è KoSice, in Slovacchia) a luoghi di eccellenza culturale, oltre che di grande festa collettiva, per dodici mesi.
Oltre cinquecento gli eventi in cartellone, che si susseguiranno per l’intero anno su tutto il territorio interessato, nel cuore pulsante delle culture del Mediterraneo e della Provenza stessa: musica, danza, mostre, circo, teatro, gastronomia, arte di strada, inaugurazioni di nuovi spazi culturali e manifestazioni dei generi più vari, suddivisi in tre principali periodi.
Da gennaio a maggio l’episodio 1 “Marseille Provence accoglie il mondo” punta su ospitalità, cosmopolitismo e sviluppo delle nuove culture urbane, da giugno ad agosto l’episodio 2 “Marseille Provence a cielo aperto” su itinerari e festival sotto le stelle in siti inediti, da settembre a dicembre l’episodio 3 “Marseille Provence dai mille volti” su convivialità, arte e gastronomia, grande protagonista. In più, tanti eventi itineranti sotto il segno dell’incontro e della condivisione, come la GR®2013, il Centre Pompidou mobile, gli Écrans voyageurs, le Grandes Carrioles e la singolarissima TransUmanza, maestosa marcia di uomini e animali, a piedi o a cavallo, in due percorsi che si congiungeranno a Marsiglia il 9 giugno dopo diverse serate-tappa culturali, artistiche ed enogastronomiche.
Un solare anno di festa scaldato dal dolce clima provenzale, quindi, prima che nel 2014 vada letteralmente a raffreddarsi in quelle che saranno le nuove capitali europee della cultura, Umeå in Svezia e Riga in Lettonia. Ma quella sarà un’altra storia.

Il programma dettagliato è disponibile su www.mp2013.fr