La stagione autunnale nel sud della Francia è fatta di atmosfere carezzevoli, colori tenui e profumi intensi, miscelati dai raggi di sole che riscaldano uno dei suoi periodi davvero più magici. Perciò se avete ancora qualche giorno di vacanza a disposizione, un itinerario dalla Costa Azzurra alla Provenza è sicuramente quello che ci vuole per chiudere in bellezza la stagione del relax. Noi ve ne suggeriamo uno in quattro tappe, ma più tempo avete e più ne potete aggiungere, tanto non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Il viaggio ha inizio appena superato il confine italiano, e ha il profumo dei limoni della deliziosa Mentone, da dove comincia a sfilare la dolce e soleggiata Costa Azzurra con il suo clima sempre mite che gli regala una ricca vegetazione mediterranea; l’agrume è infatti il simbolo della città grazie alla celebre Festa del Limone che si svolge ogni anno tra febbraio e marzo. Poco più avanti, tra Nizza e Cannes, Antibes svela il suo cuore storico racchiuso dai bastioni del XVI secolo, dominati dal Fort Carré a forma di stella e affacciati sui lussuosi yacht del porto Vauban, mentre la movida prende quota a Juan-les-Pins, al di là del verdissimo promontorio di Cap d’Antibes, capitanata dall’antico e prestigioso festival musicale Jazz à Juan.

Una mondanità che prosegue nella leggendaria St.Tropez, da sempre meta di vip e notti senza fine; ma anche raffinato borgo dai colori pastello che sfumano dal rosa all’arancione fino al rosso vivo, incorniciando il porto, il mercato e le piazzette affollate dai giocatori di petanque, le bocce francesi. Poi ancora qualche passo e ci si ritrova immersi nell’atmosfera da Belle Epoque della città di Hyères, pervasa da un irresistibile fermento culturale e baciata dai prodigi della natura: ne sono un esempio le antistanti Iles d’Or, veri e propri paradisi marini protetti tra cui spicca l’incantevole isola Porquerolles caratterizzata da un paesaggio incontaminato fatto di spiagge caraibiche, boschi verdissimi e campi di fiori variopinti. Attenti, però: correte seriamente il rischio di non voler più fare ritorno…