10 maggio 2014 – Al via oggi la stagione turistica di Isamar Holiday Village & Residence a Isola Verde di Chioggia (Ve) e Barricata Holiday Village nel Parco Naturale del Delta del Po (Ro), appartenenti al gruppo Isaholidays, per gli amanti delle vacanze a tutto sport e natura, e un’affezionata clientela molto “europea”.
Immerso in un’area verde affacciata sul mare con ampia spiaggia privata, parco acquatico e tante attrezzature per attività sportive, il primo, fatto di bungalow, cottage e appartamenti, oltre a posteggio caravan e camper, dispone anche di un attivissimo Diving Center che organizza corsi di immersione ed escursioni in mare aperto alla scoperta dei fondali del Parco Marino delle Tegnùe di Chioggia, mentre alle sue porte la “Tenuta Santa Grazia” offre un centro ippico con scuola di equitazione e ippoterapia, e consente fiabesche passeggiate in sella sulla spiaggia. Quest’anno, poi, tra giugno e luglio, è previsto un rugby-camp di una settimana per ragazzi dai dodici ai sedici anni con il campione di rugby Marco Bortolami. In programmazione, nel futuro prossimo, anche la realizzazione di un campo da golf e di una darsena con cinquecento posti barca.
Il contatto con la natura è ancora più profondo al Barricata Holiday Village, dove anche gli amici a quattro zampe, ben accetti, possono andare in spiaggia e fare un tuffo rinfrescante. Spiagge, lagune, boschi e dune da esplorare in barca, canoa, bicicletta e soprattutto a cavallo, grazie al “Barricata Ranch”, che organizza passeggiate lungo argini, dune e valli con i suoi esemplari argentini, camargue e haflinger. Interessanti, però, anche le escursioni d’altro genere nei dintorni: ai mosaici di Ravenna e all’abbazia benedettina di Pomposa, al museo regionale della Bonifica di Ca’ Vendramin e al castello estense della Mesola, fino alla Villaggio Barricata_spiaggia a cavallo_bsorprendente fauna della Sacca di Scardovari, oltre che a cittadine-gioiello come Chioggia e Comacchio, con i loro canali, ponti e palazzi che richiamano Venezia, e l’antica Fratta Polesine.
E per conoscere il territorio a tutto tondo, va da sé che vengano immancabilmente proposti prodotti e piatti locali: dal risotto di pesce al baccalà mantecato, dal carciofo violetto al radicchio rosa, e naturalmente sarde in saor, seppie col nero, cozze, ostriche e bisato (l’anguilla locale).